I trattamenti che cambiano la tua vita quotidiana

Che cosa è l’eczema della gravidanza?

Durante la gravidanza, la cute della futura mamma subisce alcune alterazioni, per esempio con l’azione degli ormoni. Tra i sintomi più frequenti abbiamo: colorazione della pelle (in particolare, la comparsa della cosiddetta “maschera della gravidanza”), disturbi vascolari (edemi, capillari visibili…), minore elasticità cutanea e comparsa di smagliature…

L'eczema della gravidanza

Al di là di questi cambiamenti fisiologici relativamente benigni, esistono diverse patologie cutanee (o dermatosi) specifiche della gravidanza, tra cui l’eczema della gravidanza. Questo tipo di eczema compare in modo specifico durante la gestazione, e viene quindi chiamato “eczema della gravidanza”; compare sovente in un contesto di atopia individuale o familiare. La cute si inaridisce e si ricopre di placche eczematose, in particolare a livello di pieghe, braccia e gambe. Questo tipo di eczema non comporta alcun rischio vitale per la madre o il bambino, ma può ricomparire nelle gravidanze successive; inoltre, sarà più probabile che il bambino sviluppi una dermatite atopica.

L'evoluzione dell’eczema durante la gravidanza

Se la futura mamma soffriva di eczema già prima della gravidanza, l’evoluzione della malattia è destinata a essere imprevedibile: impossibile dire se migliorerà o peggiorerà. In un simile contesto, la futura mamma può sentirsi in colpa e temere di trasmettere la malattia al bambino. Se è vero che il futuro nato andrà incontro a un rischio di eczema più elevato perché metà del patrimonio genetico gli deriva dalla madre, l’eczema non si trasmette come una malattia infettiva: la futura mamma può anche avere sfoghi durante l’intera gravidanza e partorire un bimbo che non saprà mai cos’è l’eczema!

Curare l'eczema durante la gravidanza

In caso di gravidanza o meno, o trattamenti dell’eczema non cambiano: dermocorticoidi ed emollienti possono essere utilizzati senza alcun rischio durante tutta la gravidanza.