I trattamenti che cambiano la tua vita quotidiana

Perché l’eczema altera la barriera cutanea?

La barriera cutanea protegge dalle aggressioni esterne. Quando si soffre di eczema, il film idrolipidico che ricopre la pelle risulta alterato. Ecco le due cause principali.
  • eczema-altere-barriere-cutanee

L'alterazione della barriera cutanea

La barriera cutanea, ossia lo strato più superficiale della pelle, protegge dalle aggressioni esterne (temperatura, raggi UV, allergeni, batteri, inquinamento…). Quando si soffre di eczema, il film idrolipidico che ricopre la pelle risulta alterato. Questa alterazione è riconducibile a due cause principali:
  • Un’origine genetica: Nel caso della dermatite atopica, una proteina fondamentale della pelle, denominata filaggrina, risulta deficitaria. Il suo ruolo a livello dello strato corneo è quello di contribuire alle funzioni di protezione*.
  • E un’origine ambientale: Uno squilibrio d’acqua o di lipidi può rendere la pelle permeabile ad allergeni e sostanze irritanti.

Come preservare la barriera cutanea?

Nel caso dell’eczema, è fondamentale preservare la barriera cutanea. Bisogna dunque favorire l’idratazione con creme o balsami emollienti ristrutturanti. Inoltre, è opportuno limitare il più possibile il contatto ripetuto con sostanze irritanti e prodotti inadeguati.

Per l’igiene del corpo, per esempio, è fondamentale non aggredire la pelle, rispettandone il pH (il pH cutaneo è 5,5). A tale scopo, è importante imparare a leggere le etichette: un prodotto a pH neutro starà a indicare un pH 7, quindi meno adatto a una pelle fragile. Per un’igiene delicata, privilegiare i prodotti a pH fisiologico (con pH 5,5), particolarmente adatti alle pelli fragili.

* Palmer CN, Irvine AD, Terron-Kwiatkowski A, e al. Common loss-of-function variants of the epidermal barrier protein filaggrin are a major predisposing factor for atopic dermatitis. Nat Genet 2006;38:441-6.
0
Ancora nessun voto
SALVA QUESTO ARTICOLO >