zona blu

Per la tua sicurezza: ingredienti sicuri

Le preoccupazioni per gli ingredienti controversi sono al centro dei nostri pensieri. Il nostro obiettivo è quello di fornire prove tangibili e scientifiche su questi ingredienti, al fine di aiutarti a vederci più chiaro e guidarti nelle tue scelte.

Gli ingredienti cosmetici contribuiscono all'efficacia, alla conservazione, alla consistenza, al colore e alla profumazione dei prodotti. La loro natura e la loro percentuale nelle formule non vengono scelte a caso e ogni ingrediente svolge una funzione nella formula.
Le normative europee in materia di cosmetici si evolvono regolarmente, da 5 a 6 volte l'anno, per tenere conto dei progressi scientifici. Le decisioni vengono adottate dalle autorità sanitarie degli Stati Membri. In Francia: l'ANSM (Agenzia Nazionale per la Sicurezza dei Medicinali e dei prodotti sanitari) e la Direction Générale de la Santé (Direzione Generale della Salute) su proposta della Commissione Europea. Questi organismi si basano sull'opinione di esperti europei indipendenti, provenienti dai vari Stati Membri riuniti nel  Comitato Scientifico per la Sicurezza dei Consumatori (CSSC).

DU_INGREDIENT-CLASSIFICATION_P1

Conservanti

Prevengono la contaminazione del prodotto da parte di muffa e batteri. Senza di loro, il prodotto può deteriorarsi e rappresentare un vero e proprio rischio per il consumatore durante l'utilizzo.

Parabeni

  • Il loro ruolo: Nonostante false informazioni che circolano, sono conservanti molto efficaci a bassa allergenicità. Sono presenti naturalmente nelle fragole, nelle carote, nelle cipolle e nella pappa reale, per esempio.
     
  • Per la tua sicurezza: I parabeni sono tra gli ingredienti più analizzati dagli esperti in tossicologia, perché sono molto numerosi e utilizzati in molti prodotti (negli alimenti, per esempio). Solo quattro parabeni vengono usati nei cosmetici: METHYLPARABEN, ETHYLPARABEN, PROPYLPARABEN e BUTYLPARABEN. Sono erroneamente sospettati di essere interferenti endocrini, poiché nessuno studio mostra un effetto sui sistemi ormonali.

Fenossietanolo 

  • Il suo ruolo: Il FENOSSIETANOLO è un conservante efficace e molto ben tollerato. Si trova naturalmente nel tè verde e nella cicoria, per esempio. È il bersaglio di molte accuse, spesso ingiustificate e non basate su dati scientifici solidi. In particolare, è accusato di causare danni al fegato se ingerito. I nostri prodotti sono destinati ad essere applicati sulla pelle e non oltrepassano la barriera cutanea.

DUCRAY, per soddisfare le tue esigenze, non utilizza più parabeni nei nuovi prodotti, ma altri conservanti che, se utilizzati nella giusta dose, garantiscono la protezione del prodotto e, in definitiva, la tua sicurezza.
Per le persone con pelle ipersensibile o intollerante che desiderano evitare qualsiasi tipo di conservante, i prodotti Cosmetico Sterile creati dal gruppo Pierre Fabre rappresentano un'alternativa davvero unica. Si tratta di formule il cui processo di fabbricazione elimina la necessità di conservanti grazie a un sistema di chiusura esclusivo e perfettamente ermetico. DUCRAY offre questa innovazione per compensare gli effetti disidratanti dei trattamenti anti-acne.

Bisogna diffidare dei conservanti? La risposta in video dei nostri esperti:

Filtri solari

  • Il loro ruolo: I filtri solari proteggono efficacemente la pelle dai pericoli del sole e, soprattutto, aiutano a prevenire i tumori della pelle. I filtri solari chimici sono ritenuti interferenti endocrini e responsabili di danneggiare l'ambiente marino. I filtri nano sono sospettati di oltrepassare la barriera cutanea a causa delle loro piccole dimensioni.
     
  • Per la tua sicurezza: Ad oggi, non ci sono prove scientifiche dimostrate del loro rischio per la salute. Le numerose controversie mediatiche hanno sollevato dei dubbi sull'importanza della protezione contro i raggi UV: eppure, secondo l'OMS, nel 2017 1 tumore su 3 è stato un tumore della pelle legato all'esposizione al sole. I filtri solari, la loro natura e la loro concentrazione massima di utilizzo, nano o non nano, sono disciplinati dalle normative europee e la loro sicurezza viene regolarmente riesaminata da un organismo indipendente: il Comitato Scientifico per la Sicurezza dei Consumatori (CSSC).

I filtri solari utilizzati da Ducray nei prodotti ICTYANE e MELASCREEN non penetrano in modo significativo nella pelle.
 

Come scegliere i prodotti solari giusti? La risposta in video dei nostri esperti:

Scopri di più su: "Come sono testati i prodotti solari?"
 

Siliconi

  • Il loro ruolo: I siliconi (CYCLOPENTASILOXANE, DIMETHICONE, ecc.) hanno eccellenti proprietà sensoriali: migliorano la sensazione al tatto (scorrevolezza, morbidezza) e il finish (cipriato, asciutto, opaco). Oggi si ritiene che persistano nell'ambiente acquatico, che soffochino la pelle e i capelli e che siano interferenti endocrini, anche se nessuna pubblicazione scientifica supporta questa teoria.
  • Per la tua sicurezza: I siliconi sono considerati ingredienti sicuri dalle autorità di regolamentazione internazionali, compreso il Comitato Scientifico per la Sicurezza dei Consumatori (CSSC). Sono materiali chimicamente inerti, ben tollerati dalla pelle, non comedogeni, non irritanti e non allergizzanti.

 Oli minerali

  • Il loro ruolo: Gli oli minerali idratano e migliorano la sensazione al tatto e l'applicazione dei prodotti cosmetici; sono utilizzati nei trattamenti di bellezza da decenni. Sono accusati di essere cancerogeni perché vengono mescolati con oli minerali per uso industriale.
     
  • Per la tua sicurezza: L'assenza di rischi di questi oli è stata confermata dall'Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi (BFR). Sono assolutamente sicuri per la salute dei consumatori e sono anche noti per la loro eccellente tollerabilità e le loro proprietà protettive e idratanti.
     

Gli oli minerali di DUCRAY sono purissimi e di qualità farmaceutica. Non sono in alcun modo oli utilizzati per scopi industriali.

Siamo qui per ascoltare

Se vuoi saperne di più
sugli ingredienti che utilizziamo nei nostri prodotti.

CONTATTACI 

Torna all'inizio