I trattamenti che cambiano la tua vita quotidiana

Eczema del neonato e del bambino: le zone più spesso interessate

La forma di eczema più comune nel neonato e nel bambino è l’eczema atopico. Le placche eczematose possono comparire in diversi punti, a seconda dell’età. Ecco le zone maggiormente colpite dall’eczema del neonato in base all’età.

Le zone più spesso interessate prima dei 2 anni

L’eczema atopico compare in genere nei primi mesi di vita, mediamente attorno ai 3 mesi, a volte sin dalla nascita. Si stima che il 60-80% dei casi di eczema atopico si manifestino prima di 1 anno di età. L’eczema interessa in modo simmetrico le zone ricurve (convesse) del viso e degli arti, ossia le guance e la superficie esterna di braccia e gambe, al pari del tronco. Le placche sono spesso molto rosse, essudative, diventano crostose e talvolta sovra-infette. Le pieghe cutanee possono essere già affette. La secchezza cutanea non è costante e tende a delinearsi più nettamente tra 1 e 2 anni.

Le zone più spesso interessate dopo i 2 anni

Dopo i 2 anni di età, le lesioni migrano nelle pieghe di collo, ginocchia, gomiti, polsi, caviglie, ma anche su mani, palpebre, labbra e orecchie. La secchezza cutanea si aggrava, soprattutto in inverno; le placche sono meno infiammate e tendono a ispessirsi.

Le zone più spesso interessate nel bambino

Indipendentemente dall’età del bambino, le placche eczematose sono spesso associate a una sensazione di calore e prurito intenso. Il bambino fa fatica a dormire e così anche i genitori… 

L’eczema atopico del bambino può complicarsi in presenza di un eczema da contatto. Questo tipo di eczema si distingue da quello causato dalla dermatite atopica per la sua origine non costituzionale, e resta localizzato nei punti in cui avviene il contatto. Il caso tipico è quello della ragazzina con eczema atopico che a un certo punto non sopporta più la bigiotteria (orecchini, collanina, braccialetto…) perché ha sviluppato un’allergia da contatto al nichel contenuto in questi articoli. A volte l’eczema da contatto si può manifestare isolatamente, anche nel bambino.